Beagle, piccolo grande cane

Interessante filmato che mette in evidenza il brillante carattere di una dei più conosciute razze canine, il Beagle. La leggenda narra che il beagle abbia affiancato i cavalieri della tavola rotonda. In realtà sulle sue reali origini si sa poco o nulla. Il nome "beagle" pare avere due possibili derivazioni: dal celtico “beag”, o dal francese, in entrambi i casi il significato del termine è “piccolo”. Per l’armoniosità del suo abbaio, quando è alla ricerca della sua preda, è anche detto “singing beagle”, ovvero beagle canterino. Ha tutte le carte in regola per essere un ottimo cane da appartamento, oltre ad essere di piccole dimensioni, ha il pelo raso e un innato senso della pulizia. E' buono e dolce con i bambini, di cui può essere un instancabile compagno di giochi, ed è un buon amico anche per le persone anziane. Ovviamente da piccolo segugio ha bisogno di un po’ di movimento, ma gli basta un piccolo giardino per sfogare la sua vitalità. Da giovane spesso gli capita di combinare qualche marachella, ma si farà sempre perdonare con quegli irresistibili occhioni dolci, che rappresentano la sua arma vincente. E’ quasi impossibile arrabbiarsi con lui. Il suo sguardo languido, e il modo tenerissimo che ha di porgere le sue scuse riescono ad intenerire anche il più duro dei cuori. E’ molto testardo, pertanto non possiamo dargliele sempre tutte vinte, altrimenti rischiamo che cerchi di diventare il ”capobranco” della nostra famiglia. L’aspetto generale del beagle è quello di un cane da muta vigoroso, compatto nella sua costituzione. Ha un carattere gaio, e il suo principale interesse è la caccia e l’inseguimento, in primo luogo della lepre, seguendo una traccia. Ardito, dotato di grande vitalità, di energia e determinazione. Vivo, intelligente, di temperamento costante, amabile e sveglio, non mostra ne aggressività, né timidezza. Il beagle è un segugio, quindi un cane costruito per trottare a lungo e senza stancarsi mai, anche a testa bassa. Questo risultato è garantito dalla corretta conformazione del collo, dall’ampiezza della gabbia toracica, dall’ossatura e dalla muscolatura degli arti. Anche se piccolino insomma, il beagle è un atleta e deve averne il fisico. Questo significa anche che non deve appesantirsi troppo e che i suoi proprietari non devono cedere alla tentazione di dargli bocconcini fuori pasto quando i suoi sguardi languidi lo richiedono. Come tutti i cani, se isolato dagli altri cani, può diventare un vero “asociale”, ma la colpa è solamente del padrone, che talvolta ne rovina il carattere solo per paura che possa subire danni fisici. Nonostante sia un segugio, può adattarsi bene ad una vita in appartamento, l’importante è non costringerlo ad una vita sedentaria. Il beagle che ingrassa sui cuscini non è solo un cane infelice, ma anche potenzialmente malato. Quindi largo spazio alle lunghe passeggiate o alle corse all’ aria aperta, in campagna, dove il cucciolo possa sfogare la sua grande esuberanza prima di tornare a casa sfinito. Piccolino com'è il beagle può restare in forma anche con un’attività fisica molto moderata, ma deve esserci e soprattutto deve essere costante. Il video si conclude con una frase perfetta per descrivere a pieno il nostro amico a quattrozampe “forse non sarà il cane più buono del mondo, né il più buffo, il più tenero o il più testone, ma una cosa è certa…è il più grande conquistatore del mondo…e lo sa!!”.
Autore cimpy
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!