Come coltivare le orchidee in casa

Il phalaenopsis è una delle orchidee più belle e facili da coltivare in casa. Esistono numerosi ibridi di questa pianta dai colori molto diversi, dalle svariate forme e dalle screziature più affascinanti. Il phalaenopsis necessita di una buona illuminazione ma non del sole diretto, ama il caldo per cui in inverno è consigliato farlo dimorare in un ambiente riscaldato.

Le irrigazioni vanno effettuate quando le radici sono asciutte e cioè quando assumono un colore grigiastro; quando le radici sono ancora bagnate hanno un colore verde chiaro e non bisogna irrigare. Per far rifiorire un phalaenopsis è necessario tagliare il vecchio stelo fiorifero per intero oppure lasciando 3-4 centimetri di stelo. Le concimazioni devono essere blande ma continue durante il periodo vegetativo.

La collocazione del phalaenopsis può essere varia perchè la pianta si adatta sia in ambienti ventosi come un giardino o una terrazza sia in ambienti poco ventilati come una stanza di casa; è importante però che, durante la stagione calda si assicuri alla pianta una buona umidità dell'aria; questo lo si può fare posizionando ciascuna pianta su un letto di ghiaia posta in un sottovaso riempito di acqua.

Il phalaenopsis fiorisce regolarmente ogni anno e spesso più volte l'anno. Le spighe fiorali compaiono in genere nei mesi autunnali per poi ingrandirsi durante l'inverno e sbocciare a inizio primavera.
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!