Come preparare un acquario tropicale

Avere un acquario tropicale può contribuire ad abbellire notevolmente la nostra casa. E' vero, i pesci sono animali che non danno affatto, come un cane o un gatto, ma sono creature molto belle e tenere un acquario può dare molte soddisfazioni.

Certo, si tratta di un hobby piuttosto costoso ed impegnativo, soprattutto se si opta per un acquario tropicale. E allora, è bene che l'acquario venga allestito correttamente, per non sprecare tempo e denaro.

Innanzi tutto, la ghiaia sul fondo va lavata accuratamente, in una bacinella riempita d'acqua, sino a questa non diventa limpida.

Per ottenere un effetto scenografico naturale, la ghiaia sul fondo va posizionata in modo da non ottenere un fondale piatto, ma creando delle piccole dune.

Va poi posizionato un tronco lavato e dei sassi, che devono riprodurre le rocce dei fondali marini. L'acquario va quindi riempito di acqua, utilizzando però un piccolo contenitore, per evitare che il getto d'acqua rovini il fondale così come è stato posizionato.

A questo punto vanno inseriti le piantine, facendo bene attenzione ad ancorarle accuratamente al fondale. L'ultimo pezzo di radice va tagliato prima di ancorare la piantina al fondale, così da favorirne lo sviluppo. Le piante acquatiche devono avere comunque le radici libere; vanno dunque ancorate soltanto quel tanto che basta per non farle galleggiare.

A questo punto si completa il riempimento dell'acquario con l'acqua, facendo sempre molta attenzione. Si inserisce il filtro. Ed il nostro acquario è pronto per accogliere i pesci tropicali.

Autore maxsbard
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube SofaSoda. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!