Il Rospo comune

Il rospo ha un corpo tozzo e gli arti posteriori più lunghi di quelli anteriori. La pelle è generalmente molto spessa e ricoperta da numerose escrenze; il colore varia da marrone-rossiccio a verde-oliva, talvolta, punteggiato da macchie scure, mentre il ventre e di colore bianco sporco.

Al posto delle orecchie si trova una grossa ghiandola, riconoscibile anche dall esterno, a forma di mezzaluna.

Il maschio è molto più piccolo della femmina, ma i suoi arti anteriori sono più robusti e possenti. Il rospo conduce una vita quasi esclusivamente notturna, trascorrendo il giorno e la stagione fredda nascosto sotto i sassi, tra le pietre, nei vecchi muri o nelle buche del terreno.

Soltanto durante il periodo della riproduzione, cioè la primavera, è attivo anche di giorno. A dispetto di ciò che si potrebbe pensare, è assai resistente alla mancanza d'acqua. Allo stato di larva la sua dieta è onnivora, ma in seguito diventa principalmente carnivora negli adulti.

Si nutre soprattutto di prede vive, che ingoia intere perchè incapace di sminuzzare il cibo in bocca. Di solito aspetta che una vittima si aggiri nei paraggi per catturarla con la lingua appiccicosa. Quando si imbatte in un predatore assume una particolare posizione con la testa abbassata e la parte posteriore del corpo sollevato.

Se si sente minacciato o attaccato può emettere una sostanza lattiginosa o irritante mediante varie ghiandole posizionate ai lati del capo riconoscibili per evidente rigonfiamento.

Autore pisacane
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Davide Rufino. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!